Travel

Viaggio a Roma: tips&tricks per un weekend nella capitale

28 Dicembre 2018


Poi, dolce vita che te ne vai

Sul Lungotevere in festa

Concerto di viole e mondanità

Profumo tuo di vacanze romane

(Matia Bazar – Vacanze Romane)

Ammetto di essere stata a Roma un paio di volte nella mia vita, ma non mi sono mai fermata per più di una giornata, godendo con tranquillità delle passeggiate in centro tra una piazza e un monumento significativo. Quest’anno però ho trascorso un intero weekend in questa bellissima città.

Roma, capitale d’Italia, cuore pulsante di un impero che non c’è più. Credo sia emozionante passeggiare per quelle strade, tra quei Fori Romani, pensando che sono lì da più di duemila anni, che hanno resistito a guerre e bombardamenti, testimoni di una civiltà che ha continuato ad evolversi. Per le strade si sentiva un profumo inebriante e confortante di caldarroste, i cui venditori erano a quasi ogni angolo di strada. Io non ho resistito, le ho assaggiate!

Arrivare e spostarsi a Roma con i mezzi pubblici

Arrivare a Roma

I sistemi di trasporto a Roma sono tanti e sono precisi ed affidabili, allo stesso modo i mezzi per poterla raggiungere. Abbiamo scelto di viaggiare in treno con la compagnia Italo. Il costo del biglietto varia in base ai periodi e a quanto prima si prenota. Per Napoli Centrale/Roma Termini noi abbiamo prenotato con un paio di settimane di anticipo usufruendo della vantaggiosa offerta di € 23,90 per l’andata in 1a classe e di € 24,90 per il treno di ritorno in economy. Il viaggio in prima classe è stato una sorpresa, non ne avevo mai preso uno prima, e non mi aspettavo soprattutto di poterlo provare ad un prezzo inferiore all’economy! A metà viaggio ci è stato offerto uno snack, una bevanda a scelta e delle salviette umide igienizzanti. Le sedute sono larghe e comode, con un tavolino a ridosso delle sedute per appoggiare un laptop, un libro o qualcosa da mangiare; ho avuto la possibilità di ricaricare lo smartphone mentre eravamo in viaggio grazie alle prese elettriche poste davanti alle sedute. Insomma, bella scoperta!

I treni AV ci impiegano un’ora circa, rispetto ai treni Intercity e i regionali che costano qualcosa in meno impiegando di più. Noi avevamo la necessità di uno spostamento veloce per i nostri orari di lavoro. Un’altra alternativa valida che ti consiglio, molto economica ma che impiega altrettanto tempo, è il Flixbus, di cui parlerò in futuro.

Spostarsi a Roma

Arrivati a Roma, ci sono tre modi per spostarsi con i mezzi: metropolitana, pulman e tram. Noi abbiamo viaggiato prevalente in pulman e tram, ed è stata probabilmente la scelta migliore nonostante le giornate particolarmente trafficate. Durante il tragitto potevamo goderci la vista della città. Il costo del biglietto è stato € 1,50 per 90 minuti. L’abbonamento giornaliero, utile se hai la necessità di spostarti più volte con i mezzi pubblici, costa 7 euro. I mezzi sono molto precisi e con l’app Moovit abbiamo monitorato le singole fermate fino ad arrivare a quella più vicina al luogo che volevamo raggiungere. Una volta arrivati in centro però, se hai tanta voglia di camminare, ti consiglio di girare Roma prevalentemente a piedi, per goderti la bellezza dei suoi scorci e negozietti.

Dormire a Roma

Quando viaggio mi piace soggiornare presso affittacamere o appartamenti privati in affitto per brevi periodi, piuttosto che hotel. I vantaggi sono prevalentemente due: costi a notte più bassi rispetto alla media e la sensazione di sentirsi “a casa”. Le mie ricerche partono prevalentemente su Airbnb dove trovo soluzioni valide a prezzi molto più che accessibili. Se viaggi da solo e la cosa non ti infastidisce, puoi prendere in considerazione di affittare una stanza condivisa o privata con un bagno condiviso. Noi sentiamo la necessità di avere la giusta privacy, per cui ogni volta che prenotiamo una stanza ci assicuriamo sempre che abbia un bagno privato. Stavolta però Carlo si è affidato a Booking per trovare un affittacamere nella zona universitaria di San Lorenzo, dove vivono i nostri amici, per avere la possibilità di spostarsi insieme per visitare la città.

Abbiamo trovato una buona offerta e soggiornato nella Camera Grigia presso Interno due Roma, dove ci siamo trovati bene per la stanza ben riscaldata e pulita, i proprietari genitilissimi e disponibili, e la posizione del palazzo è proprio prossima alle fermate di pulman e tram da e per il centro.

Cosa vedere a Roma in un weekend

Roma non si può visitare tutta in un weekend, lo ammetto. Bisogna allora scegliersi una serie di mete da vedere per non perdersi la magia di questa magnifica città.

Sicuramente da non perdere sono la Fontana di Trevi, Piazza di Spagna e la sua fontana della Barcaccia che fronteggia la scalinata di Trinità dei Monti. Piazza Navona è stata una delle mie mete preferite, uno dei luoghi citati in uno dei miei libri preferiti di Dan Brown con la chiesa di Sant’Agnese in Agone e la fontana dei Quattro Fiumi, assieme al Pantheon.

E poi c’è Piazza Venezia, che fiancheggia la via dei Fori Romani, verso una delle sette meraviglie del mondo: il Colosseo. Se hai altro tempo a disposizione, puoi programmare di prendere un tram per arrivare a Città del Vaticano, fare una passeggiata a Piazza San Pietro e visitare la basilica. Inoltre, ti consiglio di non perdere una bella passeggiata sul Lungotevere, passando per il famoso Ponte Milvio con le sue statue marmoree che raccontano secoli di storia.

Cosa e dove mangiare a Roma

In ogni viaggio, una delle cose che mi piace più fare è provare la cucina locale, dai piatti tipici allo street-food. Sarà perché ho un rapporto molto forte con il cibo, mangiare per me è un modo per scoprire il mondo.

La Pinsa

Il primo cibo tipico da street food che ho provato è la pinsa. Pinsa, dal latino “Pinsere” ovvero “allungare, stendere”, è una focaccia bassa di forma ovale o talvolta anche rettangolare, definita anche pizza romana. Viene servita condita all’interno o sulla superficie proprio come una pizza. La differenza sta nel suo impasto leggero e digeribile e con una leggera crosticina croccante sulla superficie, per niente fastidiosa. Noi l’abbiamo provata a San Lorenzo da Street Forno, dove abbiamo assaggiato la pinsa ripiena di stracchino, crudo e rucola, provato la variante ripiena con la mortadella e il tipo margherita. Inoltre il prezzo è davvero accessibile: con 10 euro abbiamo mangiato in due, con la media di tre pezzi di pinsa a testa, soddisfando palato e stomaco!

La scoperta dell’Antica Birreria Peroni

Passeggiando per Roma ad ora di pranzo, ci siamo imbattuti nell’Antica Birreria Peroni, un locale allegro dove gustare buon cibo e ovviamente ottima birra. Ho provato un piatto di spaghetti cacio e pepe ben condito e abbondante, assaggiato un’amatriciana dal guanciale croccante e provato le salsicce, che a Roma sono una specialità. I prezzi sono modici, le porzioni molto abbondanti a tal punto che è possibile anche dividerle a tavola, come abbiamo fatto noi.

La cosa più carina del locale era la possibilità di ordinare un litro e mezzo di birra accompagnata dal boccale in coccio ad un prezzo speciale, regalandoti il boccale da portare a casa.

La cosa che mi è meno piaciuta in questa allegra osteria è stato assistere al Kilometer, se vuoi sapere perché cerca su Google. Lo trovo un po’ di poco gusto, per quanto possa divertire i commensali di tutti i tavoli vederlo servire al diretto interessato (specie se donna).

Porchetta fatta in casa a San Lorenzo

Un altro posto che ho avuto modo di provare si trova a San Lorenzo è l’osteria I Porchettoni, un luogo in cui mi sono sentita a mio agio grazie alla gentilezza e affabilità dello staff. Carlo ha provato dell’ottima pasta all’uovo, ricca di sapore, mentre io ero interessata particolarmente alla porchetta, preparata direttamente da loro, un qualcosa di spettacolare. Se ti piacciono i dolci rustici, allora ti consiglio di provare le ciambelle al vino, che vengono servite in quattro versioni: con gocce di cioccolato, all’uvetta, ai frutti rossi e ai semi di finocchio. Li ho graditi tantissimo.

Scoprire Roma è stata un’esperienza entusiasmante, mi auguro di ritornarci presto perché so bene che ciò che ho visto è solo una piccola parte di questa splendida città. E tu, ci sei mai stato? O magari ci vivi? Fammi sapere cosa ne pensi in un commento, magari consigliami qualcosa di nuovo da visitare (e assaggiare) al mio ritorno!

A presto!

error: Content is protected !!